LA PARITÀ SALARIALE HA IL MOTORE FERRARI.

Il discorso della parità salariale tra uomini e donne è un argomento caldo che coinvolge un po’ tutti i settori, sia in ambito amministrativo che produttivo all’interno delle varie realtà aziendali.

Dell’importanza del ruolo femminile nel campo delle auto ne abbiamo già parlato sia qui che qui, ma mai prima d’ora si era affrontato il discorso della parità di trattamento remunerativo nei confronti dei pari grado di sesso diverso.

 

PARITÀ SALARIALE: FERRARI SUL GRADINO PIÙ ALTO DEL PODIO.

Tra le aziende italiane, Ferrari è il primo brand a ottenere il certificato di parità salariale: non sembrano esserci discrepanze, quindi, tra le retribuzioni di uomini e donne inquadrati con le stesse qualifiche all’interno dell’azienda. Lo studio, durato otto mesi, è stato effettuato dalla società di revisione internazionale PwC secondo degli standard riconosciuti dalla CE.

Il presidente John Elkan ha dichiarato a proposito: “Questo processo di certificazione includeva un’analisi statistica dettagliata dei livelli di compensazione che ha rivelato come il Cavallino Rampante sia una delle società europee che elimina con successo il divario retributivo di genere. Inoltre, è stata condotta un’indagine sulla gestione della Ferrari e sulle politiche di sviluppo delle risorse umane. Ai dipendenti è stato chiesto di completare sondaggi anonimi e partecipare a interviste individuali e focus group per discutere della loro percezione della cultura dell’azienda e dell’impegno per l’inclusione e la diversità.”.

 

SPAZIO ALLE DONNE.

All’interno della maison Ferrari, le donne assumono sempre più un valore rilevante, sia per competenze che per “numeri”. La forza lavoro femminile di questa azienda è infatti del 14%, aumentate del 3,5% nei soli ultimi tre anni. Ma non è tutto: le donne, in questi ultimi anni, hanno assunto sia ruoli che mansioni di sempre più rilevante importanza all’interno del brand più rappresentativo dell’Italia nel mondo.

 

2020: L’ANNO DEL TRIPLETE FERRARI.

La certificazione della parità salariale è il terzo riconoscimento di grande importanza conseguito dal marchio Ferrari durante l’anno corrente. L’azienda è stata infatti insignita del titolo di “brand più solido al mondo”, oltre ad aver garantito il suo sostegno alla lotta contro il COVID-19. La speranza è che questo tris si possa trasformare in poker, con un successo all’interno del campionato di F1 che manca ormai da troppo tempo sulle bacheche della rossa di Maranello: chissà se in futuro non sarà proprio una donna a conquistare anche questo titolo.