Dopo lo storico “caffè sospeso” sembra aver preso piede a Napoli un’altra usanza a sostegno dei più bisognosi: il “regalo sospeso”.

 

A NAPOLI E NON SOLO…

Un’iniziativa che, dopo il successo dell’anno scorso, è arrivata alla sua seconda edizione oltre che essere stata esportata prima nella vicina Cava de’ Tirreni in provincia di Caserta e poi in Puglia, a Foggia per la precisione.

 

COME FUNZIONA.

Il modus operandi è molto semplice: basta recarsi in un negozio di giocattoli aderente l’iniziativa e comprare un giocattolo dichiarando di volerlo lasciare “sospeso” ossia cedibile gratuitamente a chiunque ne avesse bisogno e ne faccia richiesta.

Il titolare del negozio di giocattoli emetterà lo scontrino fiscale e prenderà nota dei dati anagrafici dell’acquirente-donatore, nonché del codice seriale dello scontrino e del modello di giocattolo destinato a qualcun altro.

Chi fosse in difficoltà economica potrà ritirarlo presso lo stesso punto vendita presentando un documento di riconoscimento valido e si vedrà emettere uno scontrino a importo zero e con la dicitura “CORRISPETTIVO NON PAGATO” e il riferimento al precedente tagliando che ne attesta la vendita. Questi dati verranno poi utilizzati per un eventuale riscontro.

 

NEGOZI ADERENTI: QUALI E DOVE.

Di seguito una prima lista di negozi che supportano il regalo sospeso con i relativi indirizzi.

  • JUNIOR GIOCATTOLI: via Maurizio Piscicielli n. 25
  • CASA MIA: via Francesco Cilea n. 115 
  • NATULLO TOYS:  via Nazionale 52; via Ranieri n. 51; Corso Garibaldi n. 301
  • LA GIRANDOLA GIOCATTOLI: via Nicolardi n. 158; via Tledo n. 400
  • BABY BENDREW: via Kerbaker n. 100
  • ARCOBALOCCHI GIOCATTOLI: via Pasquale del Torto n. 45
  • BIBI LIBRERIA DEI RAGAZZI: via Raimondo di Sangro di San Severo n. 6
  • CITTÀ DEL SOLE: via Riviera di Chiaia n. 137
  • LIBRERIA MANCINI: via Nuova Poggioreale n. 11
  • LIBRERIA LIETO: viale Augusto 41/49.