ALTROCONSUMO METTE DIESEL E BENZINA A CONFRONTO: CHI INQUINA DI PIÙ?

In un periodo di forte attenzione per l’impatto ambientale, a cinque anni dallo scandalo del “Dieselgate” e alla vigilia della messa a bando dei motori alimentati a gasolio, sono stati effettuati dei test molto approfonditi per rilevare quale tipo di motorizzazione sia più inquinante. I risultati sembrano aver ribaltato le previsioni.

L’ANALISI DI ALTRO CONSUMO.

A differenza dei canonici test effettuati a livello europeo, l’associazione “Altroconsumo” (la più grande associazione per la tutela e la difesa dei consumatori italiani), ha effettuato una prova su tre livelli: il primo sui rulli di omologazione (WLTP) ossia la stessa prevista dagli standard europei, una seconda prova su autostrada per i consumi sulle alte velocità e, per chi avesse passato entrambe gli esami in questione, una terza su strada urbana.

LA SORPRESA NEI RISULTATI.

Ciò che si è evinto, con grande sorpresa degli analisti, è che un moderno motore Diesel ha un emissioni di CO2 inferiori rispetto a un equivalente a benzina. Un po’ diverso il discorso per le macchine così dette “ibride” che risultano essere meno inquinanti solo se usate in città, ma per i tratti extraurbani risulterebbero più inquinanti di un motore a benzina (visto che il supporto elettrico risulterebbe pressoché nullo) e quindi anche di un Diesel!

E LE ELETTRICHE?

Discorso a parte, invece, per le innovative auto ad alimentazione elettrica che, come tutti sanno, hanno emissioni pari a zero. Ma questo non vuol dire non abbiano un loro forte impatto ambientale, anzi!
Per alimentare un auto elettrica, infatti, c’è da valutare da dove provenga il “carburante” ossia l’elettricità: se proviene da combustibili fossili e non da fonti rinnovabili, l’impatto è maggiore sia del benzina che del diesel. Inoltre c’è da tener conto anche dello smaltimento degli accumulatori di potenza che equipaggiano questo tipo di automobili: un ulteriore dato che dovrebbe far riflettere sulle misure adottate dall’UE e imposte ai costruttori per promuovere la salvaguardia dell’ambiente.